en/it – Greece: CCF – Bullets of words for the bullets of FAI/FRI

It is a wonderful moment, the moment that the enemy kneels and falls from the determination of your brothers and sisters. A few days ago Roberto Adinolfi, CEO-magister of the nuclear energy company Ansaldo Nucleare, was shot by our brothers and sisters of the Olga Cell of the Informal Anarchist Federation (FAI)–International Revolutionary Front (FRI).

Roberto Adinolfi is a high priest of the new totalitarianism of science and technology imperatives. Science has become the modern religion of our time, promising an apathetic society the lethargy of a stuffed belly and artificial paradises in exchange for the coldness of an empty heart drowned in compromise.
The empire of scientific totalitarianism is fed by the vanity of an anthropocentric authoritarian civilization. A civilization imposed on our desires, our choices, the nature and animals, turning life into a quantitative scale to fit its miserable statistics. At the same time, contemporary people end up unable to even dare to live authentically, without hypocrisy, and as they sink deeper into their reliance on technological substitutes of real life they create illusions and superficial relationships. Now, with their scientific discoveries, they can ‘offer’ us more time to grow old but deprive us of a way to live authentically. So, science generates the coldest of all monsters of the human folly. It lays the technological fascistization of our lives. It lays genetic testing, electronic monitoring, laboratory animals, research statistics, the dictatorship of machines and numbers.

Alongside the high priests of nuclear energy like Adinolfi poison and plunder the nature, animals and people, dressing up their scientific crimes in the guise of evolution. The shootings of Adinolfi are the new poetry of anarchist action. In the social machine of indolence and compromise, the humanitarian appeals and the reformist inhibitions concerning ‘respect’ for human life will never miss. But in our own consciousness code things are clear. We don’t have any respect for human life as SELF-WORTH. What human life per se does is to produce the option of CHOICES. The CHOICES are those that give value to human life, or devalue and trivialize it. Thus, what is the reason to respect the human life of small and large tyrants like Adinolfi, who haven’t for even a moment respected our own lives?

The practice of armed attacks was, is and will be an integral part of the new anarchist urban guerrilla warfare. The choice of the COMRADES of FAI/FRI to name the cell that has attacked Adinolfi as Olga Cell after our comrade Olga Ekonomidou is a great honour for us and a profound act of friendship, one we will never forget. The bullets and the words of FAI/FRI have managed to break the impregnable of the specific conditions imposed on Olga in Diavata prisons and to storm the solitary cell where she is being held under disciplinary punishment, monitored 24 hours a day through CCTV camera; they have, thus, given her strength and smile now that she knows everything continues.

For us the Italian FAI/FRI is the Conspiracy’s second home, and half of our heart belongs to the Italian FAI/FRI. We look forward to the time when we will join our sisters and brothers of FAI/FRI and surge forward into new battles for the lasting anarchist insurrection. Both FAI/FRI and Conspiracy of Cells of Fire are not a prescription for canned answers, but they are a good way to begin with questions and queries for an authentic and free life. Comrades of FAI/FRI: may a bullet come with our every word, as thought comes with your every bullet… And life’s magazine continues to be loaded with dreams, desires, anxieties, tears, smiles, concerns, discussions, actions…

One day after the responsibility claim by the Olga Cell of FAI/FRI, we were informed by the media that the Bologna’s prosecution office, via the ridiculous puppet–public prosecutor Enrico Cieri, issued arrest warrants against us for the booby-trapped parcel that was sent to Berlusconi. More precisely, arrest warrants were issued for five of us (Panagiotis Argirou, Giorgos Nikolopoulos, Haris Hadjimihelakis, Gerasimos Tsakalos and Christos Tsakalos), as well as for two unrelated guys that have no connection whatsoever with the Conspiracy and the insurrectionary anarchy of FAI/FRI.

The warrants against us are in retaliation by the Bologna’s prosecution office for the attack of our sisters and brothers of the FAI/FRI Olga Cell. It is a desperate attempt of the Italian authorities to interrupt and impede the informal international network that has developed among the tens of FAI/FRI cells. But in vain. The invitation-inducement of Italian comrades to create an informal anarchist federation of anarchist of praxis and its constant advancement is already in the minds and hearts of comrades from around the world. No prosecution can ever stop it anywhere.

The comrades of FAI/FRI had written in one of their texts ‘Do not say that we are few,’ and we now add ‘Do not say that they can stop us…’ The Informal Anarchist Federation travels over borders and cities, carrying with it the momentum of a lasting anarchist insurrection. As the CCF imprisoned members’ cell, along with our comrade and brother Theofilos Mavropoulos, we are TOGETHER with the FAI/FRI on this journey of no return. We have burned the bridges behind us, and any inhibition has died. We are anarchists of praxis, and all we can say to the Bologna’s prosecution office is this: Your warrants are nothing but shitpapers to us, and we are completely indifferent towards the ridiculousness of your existence as the Italian State’s judicial representatives. It is a dangerous time for the prosecutors’ mafia nowadays. The lives of worms like you might soon meet with a heavy rain of bullets, or a powerful bomb in your car, or an explosive parcel in your hands… The arrest warrants in retaliation against us is yet another proud proof that the FAI/FRI Olga Cell counteracted with outstanding accuracy, causing panic in the enemy. The attacks that our sisters and brothers preannounced through their communiqué are an admirable continuation of the challenge unleashed by both FAI/FRI and CCF against the Power and the social machine. That is the challenge of the lasting anarchist insurrection. That is the challenge of the international cooperation of anarchists of praxis.

And if some of us are now captives in the enemy’s hands, that does not frighten us or make us regret. On the contrary, prison feeds the wolf within us, and our rage against the Power and its society grows stronger. All of us, along with Eat, Billy, Gabriel, Marco, Silvia, Billy, Costa, Jock and the imprisoned comrades in $hile, Mexico, Italy and elsewhere, nor for a moment were we left alone. Because we have all of you, the unknown free brothers and sisters, whose actions we feel as our own actions, whose words are met with our own…

WAR AGAINST THE SOCIAL MACHINE

LONG LIVE THE LASTING ANARCHIST INSURRECTION

FOR THE STRENGTHENING AND DIFFUSION OF FAI/FRI
AND THE BLACK INTERNATIONAL OF ANARCHISTS OF PRAXIS

Members of the Prison Cell of the Conspiracy of Cells of Fire
Olga Ekonomidou
Giorgos Polidoros
Gerasimos Tsakalos
Panagiotis Argirou
Christos Tsakalos
Damiano Bolano
Michalis Nikolopoulos
Giorgos Nikolopoulos
Haris Hadjimihelakis

And the anarchist comrade Theofilos Mavropoulos.
source /

en.contrainfo

 

CCF – Proiettili di parole per i proiettili della FAI/FRI

trad. ParoleArmate

È un momento meraviglioso, il momento in cui il nemico si inginocchia e cade dalla determinazione dei tuoi fratelli e sorelle. Qualche giorno fa Roberto Adinolfi, dirigente della compagnia di energia nucleare Ansaldo Nucleare, è stato colpito da un proiettile dai nostri fratelli e sorelle del Nucleo Olga della Federazione Anarchica Informale (FAI) – Fronte Rivoluzionario Internazionale (FRI).

Roberto Adinolfi è un sommo sacerdote del nuovo totalitarismo degli imperativi della scienza e della tecnologia. La scienza è diventata la religione moderna dei nostri tempi, che promette ad una società apatica il letargo di una pancia ripiena e di paradisi artificiali in cambio della freddezza e del cuore vuoto annegato nel compromesso.

L’impero del totalitarismo scientifico è nutrito dalla vanità di una civilizzazione autoritaria antropocentrica. Una civilizzazione imposta sui nostri desideri, le nostre scelte, la natura e gli animali, trasformando la vita in una scala quantitativa per soddisfare le sue miserabili statistiche. Allo stesso tempo, le persone di adesso finiscono per non riuscire nemmeno più ad osare vivere autenticamente, senza ipocrisia, e come sprofondano nella loro dipendenza alle tecnologie sostitutive della vita reale essi creano illusioni e relazioni superficiali. Ora, con le loro scoperte scientifiche, possono “offrirci” più tempo per invecchiare ma privandoci di un modo per vivere autenticamente. Così, la scienza genera il più freddo di tutti i mostri della follia umana. Stabilisce la fascistizzazione tecnologica delle nostre vite. Stabilisce i test genetici, il monitoraggio elettronico, i laboratori animali, le ricerche statistiche, la dittatura delle macchine e dei numeri.

Così i sommi sacerdoti dell’energia nucleare come Adinolfi avvelenano e saccheggiano la natura, gli animali e le persone, travestendo i loro crimini scientifici sotto forma di evoluzione. Gli spari ad Adinolfi sono la nuova poesia dell’azione anarchica. Nella macchina sociale dell’indolenza e del compromesso, gli appelli umanitari e le inibizioni riformiste che concernono il “rispetto” per la vita umana non perderanno mai. Ma nel nostro codice di coscienza le cose sono chiare. Noi non abbiamo alcun rispetto per la vita umana di per sé. Ciò che la vita umana fa per sé è produrre l’opzione di SCELTE. Le SCELTE sono quelle che danno valore alla vita umana, o la svalutano e la banalizzano. Quindi, qual è la ragione per rispettare la vita umana di piccoli e grandi tiranni come Adinolfi, che non hanno nemmeno per un momento rispettato le nostre vite?

La pratica degli attacchi armati era, è e sarà una parte integrale della nuova guerriglia urbana anarchica. La scelta dei COMPAGNI della FAI/FRI di chiamare la cellula che ha attaccato Adinolfi col nome di Nucleo Olga per la nostra compagna Olga Ikonomidou è un grande onore per noi ed un profondo atto di amicizia, che non verrà mai dimenticato. I proiettili e le parole della FAI/FRI sono riusciti a rompere l’inespugnabile delle specifiche condizioni imposte a Olga nella prigione Diavata e a distruggere la cella di isolamento dov’è rinchiusa sotto punizione disciplinare, monitorata 24 ore al giorno attraverso una telecamera a circuito chiuso; loro le hanno dato, dunque, la forza e il sorriso, ora che sa che tutto continua.

Per noi la FAI/FRI italiana è la seconda casa della Cospirazione, e metà del nostro cuore appartiene alla FAI/FRI italiana. Noi guardiamo avanti al tempo in cui ci uniremo alle nostre sorelle e ai nostri fratelli della FAI/FRI e ci solleveremo verso nuove battaglie per la tenace insurrezione anarchica. Sia la FAI/FRI sia la Cospirazione delle Cellule di Fuoco non sono una ricetta per risposte confezionate, ma sono un buon modo per iniziare con domande e richieste per una vita libera ed autentica. Compagni della FAI/FRI: possa un proiettile arrivare con ogni nostra parola, come il pensiero arriva con ogni vostra pallottola… ed il caricatore della vita continua ad essere caricato con sogni, desideri, ansie, lacrime, sorrisi, dubbi, discussioni, azioni…

Un giorno dopo la rivendicazione del Nucleo Olga della FAI/FRI, siamo stati informati dai media che la procura di Bologna, attraverso il ridicolo pupazzo-PM Enrico Cieri, ha emesso mandati di arresto contro di noi per la trappola-pacco che è stata inviata a Berlusconi. Più precisamente, i mandati d’arresto sono stati emessi per cinque di noi (Panagiotis Argirou, Giorgos Nikolopoulos, Haris Hadjimihelakis, Gerasimos Tsakalos e Christos Tsakalos), così come per due estranei che non hanno connessione in nessun modo con la Cospirazione e con l’anarchia insurrezionale della FAI/FRI.

I mandati contro di noi sono per rappresaglia da parte della procura di Bologna per l’attacco delle nostre sorelle e fratelli del Nucleo Olga della FAI/FRI. E’ un disperato tentativo da parte delle autorità italiane di interrompere ed impedire la rete informale internazionale che si sta sviluppando tra decine di cellule FAI/FRI. Ma invano. L’invito-incentivo dei compagni italiani a creare una federazione anarchica informale di anarchici d’azione ed il suo costante avanzamento è già nelle menti e nei cuori dei compagni di tutto il mondo. Nessuna accusa potrà mai fermarla, in nessun luogo.

I compagni della FAI/FRI hanno scritto nel loro testo “Non dite che siamo pochi“, e noi ora aggiungiamo “Non dite che possono fermarci…” la Federazione Anarchica Informale viaggia oltre confini e città, portando con se il monumento della tenace insurrezione anarchica. Come Cellula dei Membri Prigionieri della CCF, col nostro compagno e fratello Theofilos Mavropoulos, noi siamo INSIEME alla FAI/FRI in questo viaggio senza ritorno. Abbiamo bruciato i ponti dietro di noi, ed ogni inibizione è morta. Noi siamo anarchici pratici, e tutto ciò che possiamo dire alla procura di Bologna è: i vostri mandati non sono altro che carta igienica per noi, e siamo completamente indifferenti verso la ridicolezza della vostra esistenza, così come quella dei rappresentanti dello stato giudiziario italiano. E’ un tempo pericoloso per la mafia degli accusatori al giorno d’oggi. Le vite dei vermi come voi potrebbero presto incontrare una fitta pioggia di proiettili, o una potente bomba nella vostra macchina, o un pacco bomba nelle vostre mani… i mandati d’arresto in rappresaglia contro di noi sono un’altra orgogliosa prova che il Nucleo Olga FAI/FRI ha contrastato con una precisione eccezionale, causando il panico nel nemico. Gli attacchi che le nostre sorelle e i nostri fratelli hanno preannunciato attraverso i loro comunicato sono un’ammirabile continuazione della sfida sguinzagliata sia dalla FAI/FRI sia dalla CCF contro il Potere e la macchina sociale. Che è la sfida della tenace insurrezione anarchica. Che è la sfida della cooperazione internazionale degli anarchici pratici.

E se qualcuno di noi è ora prigioniero nelle mani del nemico, ciò non ci spaventa o ci fa pentire, la prigione nutre il lupo dentro di noi, e la nostra rabbia contro il Potere e la sua società cresce sempre più forte. Ognuno di noi, assieme a Eat, Billy, Gabriel, Marco, Silvia, Billy, Costa, Jock e i compagni imprigionati in Cile, Messico, Italia ed ovunque, verrà lasciato nemmeno per un momento da solo. Perché contiamo su tutti voi, i liberi e sconosciuti fratelli e sorelle, le cui azioni sentiamo nostre, le cui parole si incontrano con le nostre…

GUERRA CONTRO LA MACCHINA SOCIALE

LUNGA VITA ALLA TENACE INSURREZIONE ANARCHICA

PER IL RAFFORZAMENTO E LA DIFFUSIONE DELLA FAI/FRI E L’INTERNAZIONALE NERA DEGLI ANARCHICI D’AZIONE

Membri della Cellula Prigioniera della Cospirazione delle Cellule di Fuoco

Olga Ikonomidou

Giorgos Polydoros

Gerasimos Tsakalos

Panagiotis Argirou

Christos Tsakalos

Damiano Bolano

Mihalis Nikolopoulos

Giorgos Nikolopoulos

Haris Hadjimihelakis

ed il compagno anarchico Theofilos Mavropoulos.

http://culmine.noblogs.org/2012/05/14/ccf-proiettili-di-parole-per-i-proiettili-della-faifri/

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

css.php